Nodo di attacco tra tetto e muro: perché è così importante?

By | 5 Aprile 2019

nodo attacco tra muro e tetto problemi di muffa

Sapevi che se il nodo di attacco tra tetto e muro non è adeguatamente progettato rischi di avere muffe e condense in casa?

Ecco come evitarlo:

Nodo di attacco tra tetto e muratura: a cosa fare attenzione, cosa è importante?

Ci sono molti modi di fissare il tetto alle murature portanti.

Una cosa molto importante per il buon funzionamento e per la durabilità del tetto è come viene realizzato il dettaglio di attacco tra il tetto e le pareti esterne.

Perché è importante?

Perché se questo dettaglio non è studiato e realizzato attentamente, nel corso del tempo, si rischiano problemi di muffe e condense.

Come è possibile e perché succede?

Il motivo per cui le muffe si manifestano è che le superfici delle strutture si raffreddano e al di sotto di una certa temperatura, in presenza di umidità elevata, le muffe trovano le condizioni più favorevoli.

Il fatto è che alcune parti dell’involucro esterno si raffreddano molto prima di altre.

I punti più deboli sono gli angoli e i nodi strutturali tra solaio e pareti e tra pareti e tetto ed è proprio in questi punti che le muffe iniziano a comparire.

In particolare il nodo di attacco tra tetto e murature è uno dei punti deboli preferiti dalle muffe.

Nei casi più gravi, quando le temperature superficiali scendono ancora e si è in presenza di umidità elevate, oltre alla muffa si verificano anche problemi di condense superficiali.

Cosa sono le condense superficiali?

Sono fenomeni che consentono al vapor d’acqua (umidità) presente nell’aria di trasformarsi in acqua e bagnare muri e soffitti.

In alcuni casi i fenomeni sono così gravi che soffitti e pareti possono letteralmente gocciolare come sotto l’effetto di una pioggia.

Non serve essere degli esperti per capire che l’acqua e il legno a contatto prolungato non vanno d’accordo e il rischio che corrono le strutture del tuo tetto è quello di marcire rapidamente.

Il pericolo maggiore è quando questo succede in aree non a vista e quando lo scopri potrebbe essere tardi.

Nodo di attacco tra tetto e muro: quali conseguenze?

Perché il nodo tra pareti e tetto è così soggetto al rischio di muffe e condense?

Perché in quelle zone le temperature delle superfici sono più basse a causa di 3 errori che mettono a rischio la durabilità del tuo tetto in legno.

Ecco i 3 errori ai quali fare attenzione:

Errore 1: la scarsa protezione termica del cordolo in cemento armato e della parete.

Quando si appoggia il tetto sulle pareti si deve predisporre un cordolo in cemento armato che ha la funzione di legare il tetto con le pareti ed impedire alle pareti di sfaldarsi e cedere in caso di terremoto.

Qual è  l’errore che viene ripetuto continuamente?

Evitare di proteggere con un isolante la parete e il cordolo.

Perché è importante?

Perché il cemento armato, a causa delle sue caratteristiche, si raffredda 8 volte più velocemente della muratura e 18 volte più velocemente del legno.

Questo significa che se le superfici attorno all’attacco tra tetto e muro si raffreddano saranno vulnerabili a muffe e condense.

Le conseguenze te le dimostro con un calcolo:

 

nodo attacco tra muro e tetto: condensa

 

Cosa è successo?

E’ successo che a causa del cordolo in cemento armato le temperature sulla superficie esterna sono troppo basse e si manifesta addirittura della condensa e le pareti si bagnano!

Come risolvere?

Con un ulteriore calcolo di verifica che stabilisca dove e come è necessario isolare per impedire che le temperature in corrispondenza del cordolo siano troppo basse.

Ecco la soluzione:

 

nodo attacco tra muro e tetto isolamento anti condensa

 

In questo caso ho calcolato:

  • la esatta posizione dove inserire l’isolante
  • il tipo e lo spessore di isolante necessario per risolvere il problema

Come vedi non è difficile, basta solo conoscere il problema, e tu ora lo conosci!

Errore 2: la scarsa attenzione ad impedire infiltrazioni di aria fredda

Ecco di cosa si tratta in questo caso.

Tra il cordolo, la muratura e i travetti di legno spesso non vengono sigillate le fessure e anche se alla maggior parte dei progettisti e delle imprese questo sembra un dettaglio insignificante quello che succede è questo:

 

nodo attacco tra muro e tetto infiltrazioni

 

Cosa è successo in questo caso?

E’ successo che non si è prestata attenzione a sigillare le fessure attraverso le quali si è infiltrata dell’aria umida che appena ha incontrato temperature più basse ha prodotto le muffe che vedi.

Le conseguenze sul medio periodo è che anche le strutture del tetto comincino a degradarsi.

 

Errore 3: la presenza di uno sporto di copertura in cemento armato

Ora ti parlo di un errore molto frequente quando si ristruttura un tetto in cemento armato ma che vale anche per il tetto in legno.

Capita spesso che il progettista voglia predisporre uno sporto di copertura in cemento armato.

I rischi di avere problemi di muffe e condense in questo caso è ancora più elevato rispetto al caso del cordolo in cemento armato.

Perché il dettaglio dello sporto di copertura è così importante?

Perché in questo caso la quantità di cemento è ancora più importante e di conseguenza le superfici in corrispondenza del nodo tra muro e tetto si raffredderanno con ancora maggiore velocità.

E’ un fenomeno noto a pochi ma che può mettere a rischio i lavori appena finiti.

Non ci credi?

Te lo dimostro ancora con un calcolo:

 

sporto di gronda in cemento armato problemi

 

Puoi vedere tu stesso che le temperature più basse si verificano proprio nell’angolo (punto critico) e malgrado sia stato predisposto dell’isolante (colore verde) anche sullo sporto della copertura il calcolo dimostra che non è sufficiente e si manifesteranno le muffe.

Come risolvere?

Anche in questo caso è questione di dettagli, infatti inserendo nel punto giusto (in corrispondenza dell’angolo) l’isolante del tipo e dello spessore giusto, il rischio di muffe è scongiurato e il calcolo è verificato.

Semplice no?

Il tuo progettista e la tua impresa ti anno avvisato di questi rischi?

 

Nodo di attacco tra tetto e muro: perché nessuno te ne parla?

Hai provato a girare per fiere, parlato con fornitori, venditori e progettisti ma nessuno ti ha messo in guardia?

Allora sappi che:

La legge stabilisce che il progettista debba obbligatoriamente verificare con un calcolo specifico e dimostrare che ci sia la totale assenza di muffe all’interno degli ambienti.

Per fare questo calcolo servono competenze specifiche e un software dedicato appositamente per questo scopo.

 

In parole semplici i dettagli della conformazione del nodo tra tetto e parete: come sono disposti i materiali usati per isolare (all’interno o all’esterno) spessori, tipo di isolante, temperature di progetto ecc. determinano se ci sono problemi di muffa e condensa.

Purtroppo la maggior parte dei progettisti questo non lo sa perché si affidano ai termo tecnici per questo genere di verifiche ma la maggior parte dei termo tecnici non usa un software dedicato per fare queste verifiche (costa) e la responsabilità ricade sui progettisti.

 

Meno che meno le imprese sono consapevoli di tutto questo e continuano come hanno sempre fatto senza sapere cosa rischiano.

Nodo di attacco tra tetto e muro: come verificare se ci sono problemi?

Ora sei consapevole che il dettaglio di attacco tra tetto e muratura va progettato e posato in opera con molta cura.

Serve fare un calcolo di verifica termo-igrometrica con software specificatamente dedicato che, visti i costi, non tutti i termo-tecnici possiedono.

 

Ricorda che però quello che rischia sei tu, ora ne sei consapevole.

Quindi:

 

Se hai già costruito o ristrutturato il tuo tetto è del tutto probabile che gli errori di cui ti ho parlato siano stati commessi anche nel tuo caso.

Se vuoi più informazioni per capire come verificare subito (e da solo) se i lavori che ti hanno eseguito sono stati fatti correttamente, ho la soluzione per te.

Di cosa si tratta?

Di una guida pratica adatta a tutti i non esperti.

Ordina e leggi la guida pratica>>VERIFICA LAVORI che ho scritto apposta per aiutarti a fare una verifica dei lavori attraverso un check-up pratico guidato passo per passo, con immagini e descrizioni comprensibili anche ai non esperti.

 

Se vuoi sapere di più sui 10 errori più frequenti che si commettono quando si costruisce un tetto in legno leggi questo articolo>> COME VERIFICARE 10 ERRORI RICORRENTI

 

 

 

Massimo Cleva

Controllo Qualità | Case e Tetti in Legno

Author: Massimo Cleva

Controllo Qualità | Case e Tetti in Legno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *